Cos’è un Coach? Chiarezza su questo tipo di professione

Da quando mi conosci e conosci la professione che svolgo, ti sarai chiesto tante volte cos’è un Coach e di cosa si occupa.

Di certo sarai abituato a sentir parlare di Coach sportivi che seguono gli atleti nei loro successi e li stimolano a fare sempre più del loro meglio.

Oggi voglio fare chiarezza sulla professione del Coach e in particolare del Life Coach.

La parola “Coach” ha origine nel sedicesimo secolo da una piccola cittadina ungherese chiamata Kocs in cui furono costruiti i primi cocchi. Questa parola si tramutò nel termine francese “coche”. Questo sostantivo divenne verbo in inglese, e le persone che ne trasportavano altre da un posto all’altro, descrivevano la loro attività come “coaching” (come in italiano il verbo “scarrozzare”).  Successivamente, tra i vari passaggi di questa parola, è stata utilizzata per descrivere l’operato di tutori che “trasportavano” i propri allievi fino al superamento degli esami.

L’associazione tra Coaching e sport prende invece radici alla fine dell’Ottocento nei college americani in cui gli studenti venivano supportati da Coach o manager per raggiungere le massime prestazioni sportive. Ma il coaching come lo conosciamo oggi è stato portato alla luce da un ex tennista nel 1974, che sosteneva che il modo migliore per aiutare qualcuno a diventare un giocatore migliore non fosse suggerirgli come fare , ma porre invece domande che lo aiutassero ad apprendere dalle proprie esperienze. Questi principi di coaching vennero poi applicati nelle aziende americane e portati poi in Europa.

Quindi in che modo il coaching è differente dalle altre professioni di intervento professionista/cliente per lo sviluppo del potenziale umano?

  • COACHING

Viene definito come un processo collaborativo in cui i clienti scoprono le risposte autonomamente tramite l’uso di domande mirate. Viene stabilito dal cliente il raggiungimento di un obiettivo e vengono forniti dal Coach, nell’arco di una tempistica definita, strumenti per il raggiungimento di tale obiettivo.

  • MENTORING

Deriva dalla letteratura greca antica. Odisseo ha affidato l’educazione di suo figlio all’amico Mentore. Odisseo aveva detto a Mentore di insegnare al figlio Telemaco tutto ciò che sapeva. Da questo il significato  di Mentoring come “trasmissione di esperienze e conoscenze”.  Molto usato nel business, il Mentoring fornisce un meccanismo per cui manager di lunga esperienza trasmettono la propria saggezza, trucchi del mestiere e scorciatoie per il successo, aiutando a formare valori positivi. A differenza del Coaching in cui si fa in modo che la persona trovi da sola le proprie soluzioni, nel Mentoring vengono forniti consigli e una guida.

  • TRAINING/FORMAZIONE

Il training è un processo che porta la persona a raggiungere uno standard prestabilito di competenza, tramite pratica e istruzione. Si tratta quindi di trasmettere informazioni, abilità e conoscenze. Il training aiuta le persone ad acquisire capacità.  Ha una durata variabile ed ha uno stile direttivo. La differenza fondamentale è che il training impartisce informazioni mentre il coaching estrae conoscenze e idee dalla persona.

  • CONSULTING

Quando un’azienda ha un problema o vuole svilupparsi a volte vengono chiamati consulenti che analizzano offrendo soluzioni. Una volta che il consulente ha steso il suo verbale, il lavoro è concluso e il resto spetta all’azienda. Ora i consulenti adottano approccio di coaching presentando una gamma di azioni possibili.

  • COUNSELLING

I Counselor, come i Coach, creano spazio per permettere ai clienti di parlare dei propri problemi. La differenza è che il Couseling si occupa di aiutare a superare i problemi incentrandosi sul passato mentre il Coaching si occupa del miglioramento dei risultato e quindi sugli obiettivi guardando al futuro.

  • TERAPIA

Lo scopo della terapia è quello di affrontare problemi di ordine psicologico, come fobie, abitudini indesiderate, attacchi di panico, ossessioni o traumi. E’ un approccio di intervento in cui il terapeuta utilizza tecniche per risolvere i problemi.  Il Coaching opera invece partendo dalla premessa che il cliente va già bene così, ma vuole passare al livello superiore di efficacia.

Queste le principali differenze tra il Coaching e le altre professioni che si occupano di crescita e sviluppo personale.

Esistono poi diversi tipi di Coaching e ne parleremo nella prossima puntata.

Per ora spero di aver soddisfatto la vostra curiosità sull’argomento e aver sciolto qualche dubbio in merito ad una professione ancora poco conosciuta e quindi di cui poco ancora si nutre fiducia.

L’approccio del Coaching è proprio questo: fornire chiarezza per capire dove ti trovi e dove vuoi arrivare, per migliorare la tua vita in diversi ambiti.

Laura

Lascia un commento

Chiudi il menu
×
×

Carrello